Anteprima | Solstice Chronicles: MIA

Anteprima | Solstice Chronicles: MIA

Quando si vuol creare un gioco interessante ed originale, spesso la miglior strategia sta nell’esaminare grandi successi del passato e capire come potrebbe apparire un nuovo titolo che ne mescolasse alcuni elementi distintivi. Il team indipendente Ironward ha sicuramente fatto qualche calcolo simile quando ha tirato fuori dal cilindro Solstice Chronicles: MIA, gioco facente parte di un universo già in parte “costruito” dagli stessi sviluppatori con il predecessore The Red Solstice. Anche se Solstice Chronicles: MIA fa parte dello stesso “setting”, si differenzia sostanzialmente dal primo titolo della serie principalmente in termini di gameplay

Ma andiamo con ordine: il gioco si svolge in un lontano futuro dove il pianeta Terra è stato completamente consumato dal terribile virus STROL. L’umanità, sull’orlo dell’estinzione, si è trasferita in massa sul pianeta Marte che ha colonizzato per garantirsi una sopravvivenza: i vizi umani sono però rimasti invariati ed ora Marte è governato da potenti corporazioni. La razza umana dovrà affrontare una nuova terribile prova: alieni mutanti assetati di sangue minacciano la sopravvivenza degli uomini rimasti e nei panni di un soldato altamente addestrato dovremo combattere questi nemici e garantire una sicurezza all’umanità.

Solstice Chronicles: MIA presenta un setting decisamente intrigante a metà strada tra i film Total Recall/Atto di Forza e la serie Alien, catapultando il giocatore su un pianeta ostile abitato da esseri violenti. Il gameplay finora esaminabile si colloca a metà strada tra lo splendido Dead Space e la celebre saga hack & slash/RPG Diablo targata Blizzard. In effetti il gioco risulta molto più simile a Diablo con una visuale “a volo d’uccello” ed un combat system action controllato principalmente dalla combinazione mouse/tastiera. Il personaggio principale può muoversi nell’ambiente di gioco tramite i tasti WASD e controllare la direzione di sparo tramite il puntatore del mouse: oltre alle azioni standard, il giocatore potrà utilizzare anche mosse speciali dagli effetti variegati. Nella versione attuale è possibile testare la granata, in grado di infliggere pesanti danni entro una certa area, e il bengala che può distrarre per un periodo di tempo limitato i nemici attratti dalla luce intensa. Inizialmente il protagonista, molto simile esteticamente al celebre Master Chief della serie Halo, dispone di una semplice pistola automatica ma presto sarà possibile entrare in possesso di una più efficace mitragliatrice che, seppur a discapito della precisione, potrà investire i mostri con letali raffiche di proiettili. Interessante notare una certa attenzione posta dagli sviluppatori nel bilanciamento della difficoltà: molti nemici sono lenti ma resistenti, mentre altri sono veloci e molto pericolosi ma al contempo assai semplici da abbattere.

Solstice Chronicles: MIA si presenta con un’ottima veste grafica che gira su Unreal Engine: niente di miracoloso ovviamente, ma la sensazione generale è più che buona con ambientazioni oscure e di discreto impatto, seppur considerando che il gioco è stato prodotto utilizzando Unreal Engine 4 e sarebbe lecito aspettarsi qualche “esercizio di stile” puramente visivo. Anche il sistema di controllo si comporta bene, sia su joypad che con il binomio mouse/tastiera: non è invece pervenuto il comparto sonoro, praticamente assente con esclusione degli effetti e di un doppiaggio poco incisivo almeno per ora. Attualmente non è disponibile alcuna modalità multiplayer ma gli sviluppatori hanno informato che provvederanno ad inserire nella versione completa una modalità multigiocatore co-op: idea interessante e che potrebbe aprire molte strade per Solstice Chronicles: MIA ed avvicinarlo di qualche passo a quel capolavoro che è Divinity: Original Sin.

Che altro dire per ora di Solstice Chronicles: MIA? Il gioco è in fase chiaramente embrionale, ed anche se è già possibile scorgere alcune ottime potenzialità è difficile dare un giudizio obiettivo sul valore reale e finale di questo gioco. Le premesse per presentare un titolo solido, dal gameplay piacevole in un setting horror sci-fi ci sono tutte. Starà ai ragazzi di Ironward deliziarci con un prodotto finito di alta qualità.

 

Commenti

commenti

Facebook Comments Plugin Powered byVivacity Infotech Pvt. Ltd.

Leave a Comment

WordPress spam blocked by CleanTalk.