Anteprima | Space Hulk Deathwing Enhanched Edition e The Surge A Walk in the Park

Anteprima | Space Hulk Deathwing Enhanched Edition e The Surge A Walk in the Park

Space Hulk Deathwing – Enhanced Edition

Space Hulk Deathwing doveva essere il punto di svolta della serie Space Hulk, abbandonando i canoni eccessivamente rigidi del gioco da tavola e trasformando tutto in un fps frenetico e punitivo. Le cose però non sono andate proprio per il verso giusto e, nonostante numerose ottime idee, Space Hulk Deathwing non riuscì a brillare di luce propria, raccogliendo pesanti critiche non solo dalla stampa specializzata ma anche dai fan di Warhammer 40.000 che si sa, sono molto poco comprensivi. E’ quindi giustificata la nostra gioia quando durante la Gamescom abbiamo potuto provare finalmente l’Enhanced Edition del gioco, dove a detta degli sviluppatori, hanno dato ascolto a tutti i feedback dei fan, cercando così di rendere finalmente Space Hulk Deathwing un gioco completo e godibile.

In prima battuta l’aspetto dei nemici: ora i Genestealer hanno skin diverse e si riescono a distinguere tra loro, dando una parvenza di eterogeneità all’orda aliena. Inoltre sono stati aggiunti nuovi tipi di Tiranidi che daranno del filo da torcere alla nostra squadra di terminator. A proposito degli Space Marine, questi avranno accesso ad una nuova unità, il Cappellano, un’unità di supporto in grado di risorgere i propri compagni e donargli alcuni buff temporanei ai danni e alla salute.

La novità più importante però riguarda le Missioni Speciali, mappe di gioco generate proceduralmente con obiettivi casuali, di modo da rendere ogni missioni diversa, con un livello di tensione palpabile, vista la tendenza degli alieni a sbucare dai posti più disparati. Per i masochisti, è stato aggiunto anche un livello di difficoltà Hardcore, come se il gioco non fosse già difficile di per se.

Per quanto riguarda il multiplayer, grosse novità anche qui. Contrariamente a prima, ora tutti i potenziamenti sbloccati durante le missioni potranno rimanere al giocatore e legarsi al proprio profilo, di modo da scegliere di volta in volta l’equip migliore. Inoltre ci sarà la possibilità di acquistare direttamente gli oggetti e le casse tramite una valuta in gioco, che rimarrà tale, senza cioè+ trasformare il titolo in un pay to win. Non siamo davanti ad uno stravolgimento completo, ma a delle rifiniture che migliorano di certo l’esperienza e che potrebbero far tornare dei giocatori sui server di gioco. L’Enhanced Edition è prevista per fine anno e sarà disponibile sia per Playstation 4 che Xbox One, mentre per PC chi ha già acquistato il gioco, otterrà l’upgrade gratuitamente.

The Surge – A Walk in the Park

Nonostante Deck13 avesse negato l’esistenza stessa di un DLC per The Surge, l’annuncio, quasi in sordina, di A walk in the park non ha sorpreso più di tanto. L’esperienza soulsiana di The Surge è quindi destinata a prolungarsi attraverso una nuova zona, nuovi nemici ed un nuovo e, a detta degli sviluppatori, molto impegnativo boss. A walk in the park è il titolo scelto per un’espansione che fa l’occhiolino a Fallout 4; ambientata nell’area ricreativa della CREO: l’espansione si fa largo attraverso un parco in stato di abbandono sottolineando così la profonda cicatrice che il disastro ha inflitto all’umanità. Contrapporre un’ambientazione divertente e rilassante ad un contesto post-apocalittico ci ricorda molto Nuka World e le sue attrazioni stracolme di nemici di ogni genere. A walk in the park è previsto per la fine dell’anno e mette a disposizione del giocatore una zona molto difficile da affrontare ma accessibile sia dalla production line, una delle sezioni inziali del gioco che da ricerca e sviluppo, lasciando però invariato il livello dei nemici. Una zona adibita al farming ed al leveling per i novizi e una sorta di completamento per coloro che hanno già esplorato i meandri di The Surge e cercano qualcosa in più. Purtroppo non è ancora presenta del materiale da mostrare se non qualche artwork che mostra alcuni scorci delle nuove ambientazioni. Il DLC necessiterà di circa tre ore per essere completato ma sappiamo benissimo quanto le meccnaiche di trial and error possano allungare notevolmente la longevità di titoli del genere, non ci resta che attendere qualcosa di più concreto, magari un trailer di annuncio o qualche sezione di gameplay per poter verificare la validità di questa espansione.

 

Commenti

commenti