Anteprima | Warhammer 40,000: Space Wolf

Anteprima | Warhammer 40,000: Space Wolf

Porting e mobile. Due termini che alla maggior parte dei giocatori fanno scendere un brivido lungo la schiena. Trasporre giochi dalle piattaforme mobile al PC o altre console molto spesso si è rivelata un’operazione rischiosa e infruttuosa, con risultati altamente dimenticabili. Succede però che qualcuno invece decide di fare le cose fatte bene e portare su Steam un titolo che su mobile aveva riscosso un ottimo successo ristrutturandolo ad arte per gli utenti PC. Il caso in questione riguarda Warhammer 40.000 Space Wolf e i ragazzi coscienziosi in questione sono quelli di Herocraft, che hanno lanciato il loro gioco in accesso anticipato su Steam, ancora lontano dalla versione finale, ma già perfettamente giocabile. Abbiamo giocato alla versione Early Access e abbiamo positivamente riscontrato che le cose sono ad ottimo punto, anche se con alcuni difetti.

Warhammer 40k Space Wolf 1Il mondo di Warhammer 40.000 offre spunti infiniti e ormai abbiamo perso il conto del quantitativo di titoli legati al marchio di Games Workshop usciti anche solo negli ultimi anni. Per emergere dalla massa quindi bisogna che il prodotto in questione sia ottimo, sia dal punto di vista qualitativo che da quello dell’originalità, e con Space Wolf sembra che la strada imboccata sia quella giusta. Il gioco di Herocraft è uno strategico a turni che si unisce con un trading card game, in un connubio originale ed accattivante, mettendovi nei panni del comandante Valgard e della sua squadra di Space Marine del feroce capitolo dei Lupi Siderali. I leggendari guerrieri dell’Imperatore saranno impegnati stavolta contro le orde del Caos, gli infimi traditori del genere umano ora asserviti agli Dei Oscuri. Il sistema di gioco si è rivelato da subito il vero protagonista, con l’interessante supporto delle carte da gioco per compiere qualsiasi azione, dal movimento all’attacco. Ad ogni turno potremo scegliere tra una serie di carte per muovere i nostri personaggi o fargli compiere un attacco particolare indicato sulla carta stessa. Alcuni attacchi saranno specifici per un tipo di arma equipaggiata, anch’essa disponibile tra le carte, e non sarà raro trovare attacchi con effetti secondari, capaci di farvi guadagnare carte aggiuntive o farne perdere al nemico, o aumentare la probabilità di successo nelle azioni successive. Una tipologia di carte è specifica per il movimento, ma qualora non fossero disponibili, potrete scartare una qualsiasi carta attacco e muovervi di un numero di caselle pari al punteggio riportato sulla carta stessa. Non ci sono costi di nessun tipo per giocare le carte, limitate però a due per turno e che andranno ad incrementare il vostro punteggio di fatica. Se questo diventerà troppo alto, allora passere il turno e maggiore sarà il punteggio, peggiore sarà la vostra iniziativa.

Warhammer 40k Space Wolf 8Il sistema di carte si integra alla perfezione con lo strategico a turni, creando questo interessante precedente, soprattutto grazie alla possibilità di personalizzare completamente il proprio mazzo. Le carte sono divise per rarità e vengono sbloccate al raggiungimento di determinati livelli d’esperienza. In questo modo ogni giocatore potrà creare il mazzo che più si adatta al suo stile di gioco e alla sua squadra, completamente personalizzabile anch’essa con statistiche dedicate e abilità passive. Questo ci porta alla grande differenza tra la versione PC e quella mobile: sono state completamente eliminate le microtrasazioni. Questa mossa decisamente intelligente da parte dei ragazzi di Herocraft è un ottimo stimolo per l’utente a continuare a giocare, dato che le carte saranno disponibili sempre e solo in gioco. Come se non bastasse, tramite l’acquisizione di esperienza e risorse di vario tipo recuperabili in gioco e multiplayer, si potranno forgiare le proprie carte in una sorta di Fucina che vi fornirà carte random di varia potenza a seconda della quantità di risorse utilizzate. Una pratica che ci sentiamo di consigliare anche a tante produzioni molto più grandi, che sempre più spesso utilizzano questi mezzi di monetizzazione facile.

Warhammer 40k Space Wolf 10Warhammer 40.000: Space Wolf ha una componente singolo giocatore e una multiplayer. Paradossalmente, la parte peggiore di tutto il gioco è proprio la campagna giocatore singolo per una serie di motivi che però fanno capo ad un unico punto fermo: la difficoltà è calcolata malissimo. Il gioco è basato si sulla strategia e la tattica a turni, ma anche su una fortissima componente aleatoria che guiderà il risultato delle vostre azioni, simulando i tiri di dado. La CPU è estremamente aggressiva e non perdonerà neanche il più piccolo errore, mentre voi dovrete procedere a piccolissimi passi nella speranza che i vostri colpi vadano a segno. Troppo spesso ci è capitato di gettare turni interi perché il colpo fondamentale non aveva colpito, con il risultato di vedere la nostra squadra fatta a pezzi sotto le spade a catena degli Space Marine del Caos. Le mappe di gioco sono estremamente piccole di dimensioni e senza alcun tipo di nebbia di guerra, quindi muovendo la visuale si è in grado di capire immediatamente l’entità delle forze nemiche. Per dare la sensazione di sorpresa, gli sviluppatori hanno ben pensato di far apparire i nemici completamente dal nulla durante la missione, rovinando così di fatto qualsiasi tipo di strategia a lungo termine. Non solo, se a questa ci aggiungiamo l’impossibilità per i nostri soldati di attaccare in mischia diagonalmente (mentre ai nemici è consentito) e l’assenza di un qualsiasi tipo di salvataggio durante le missioni, ecco che Warhammer 40.000: Space Wolf, almeno nella sua campagna singolo giocatore si rivela un prodotto ancora acerbo, con tantissimo lavoro davanti a se. Di contro, la componente multiplayer è dannatamente divertente, proprio perché vengono a cadere i difetti segnati prima. Scontrarsi contro altri giocatori senzienti è molto più accessibile, e la sconfitta, oltre ad una questione di fortuna, sarà dovuta solo alla bravura del vostro avversario. Vincendo partite su partite si otterrà ovviamente esperienza e risorse per la Fucina e i miglioramenti della propria squadra.

Altre sorprese anche sul versante tecnico. Warhammer 40.000: Space Wolf è un porting fatto con tutti i crismi, visto che Herocraft ha raffinato e aumentato la qualità visiva e grafica del gioco per adattarlo alle esigenze ben più elevate dei giocatori PC. Aiutati anche dalle dimensioni non esigue delle mappe, gli effetti particellari del gioco sono incredibili e la presenza di una kill cam in stile Sniper Elite per i colpi finali rende tutto ancora più apprezzabile. Impossibile non citare poi la localizzazione dei testi scritti in italiano, cosa apprezzatissima e sorprendente per produzioni di questo calibro. Anche se manca ancora molto all’uscita definitiva, Warhammer 40.000: Space Wolf ha già tutte le carte in regola per essere un ottimo titolo, facendo capire a tutti come le ottime idee e il talento non debbano per forza viaggiare accompagnati da budget milionari o dalla ricerca del guadagno facile.

Aspettative:

  • Ottimo gameplay ibrido tra strategico a turni e TCG
  • Un porting finalmente decente
  • Il lato tecnico fa ben sperare
  • Assenza delle microtransaizoni

Dubbi:

  • Difficoltà sbilanciatissima nel single player