Speciale Gamescom | Incontro con Marvelous

Speciale Gamescom | Incontro con Marvelous

C’è un aspetto del mio lavoro che mi amo più di tutti. Non tanto quello di avere a che fare con i videogiochi ogni giorno, ma piuttosto la sua capacità di stupirmi continuamente, nel bene o nel male. Il mondo dei videogiochi è variegato e sfaccettato, e molte volte focalizzarsi su un unico genere o addirittura saga è controproducente, se non addirittura deleterio. Lo sperimentare cose nuove è bello e potrebbe portarvi, come il sottoscritto, a farvi scoprire le meraviglie delle produzioni giapponesi più di nicchia qui in Europa ma dall’incredibile successo in Giappone. Tra tutte, Sernan Kagura è sicuramente la più conosciuta e Marvelous, la casa distributrice con sede in Europa, ce la sta mettendo tutta per far penetrare i vari brand, con risultati sempre più incoraggianti.

Con questo spirito, durante la Gamescom abbiamo fatto due chiacchere con Michael Fisher, Marketing Manager di Marvelous sul futuro del mercato e soprattutto sull’imminente uscita di Senran Kagura Beach Peach Splash, una rivoluzione completa per il brand di Tamsoft. Imminente perché l’uscita in Europa è prevista per il 22 Settembre per Playstation 4, dove porterà le ormai famose ninja formose a combattere a colpi di pistole ad acqua in un ambiente third person shooter multiplayer. Con oltre 30 personaggi e 800 carte per sbloccare abilità e collezionabili vari, Senran Kagura Beach Peach Splash si rivela una dei titoli più ambiziosi di Marvelous, soprattutto vista la meccanica molto più popolare del tps. Un tipo di gameplay estremamente popolare in Europa che siamo sicuri aiuterà il brand ad essere conosciuto anche nel vecchio continente, dove purtroppo le produzioni meno famose faticano tantissimo ad entrare. Ciononostante, la serie di Senran Kagura ha collezionato un discreto numero di fan, numero che aumenta di anno in anno, vista la presenza anche su PC dei loro titoli e dall’indubbia qualità di alcuni dei loro elementi, come il gameplay o la caratterizzazione dei personaggi. Le smaliziate ragazze sono ormai il biglietto da visita della serie e Senran Kagura Beach Peach Splash non fa ovviamente eccezione, visto che stavolta bisogna combattere direttamente in bikini, ma non disperatevi, da quanto abbiamo visto avremo tutta la possibilità di distruggere nuovamente i vestiti delle vostre shinobi preferite. Rimandiamo tutti i dettagli sul gioco in sede di recensione, ma abbiamo assicurarci sull’aspetto multiplayer del titolo, che non fosse solamente un mero orpello alla solita story mode dalla longevità esagerata. A quanto pare, il multiplayer di Senran Kagura Beach Peach Splash coprirà il 50% del titolo, dando finalmente un’improntata multigiocatore alla serie e garantendone così il successo nel lungo periodo, o almeno è quello che speriamo.

Sebbene la maggior parte dei titoli arrivi qui in Europa in ritardo rispetto al Giappone (quando arrivano) c’è un aspetto fondamentale da considerare, ovvero il porting su Steam. Dopo le uscite su Playstation e conseguente successo, l’arrivo su PC apre la strada ad un mercato molto più ampio e dinamico, un’utenza di giocatori che si definisce molto più onnivora. Ne è testimone lo strepitoso successo di VALKYRIE DRIVE -BHIKKHUNI-, gioco sviluppato sempre da Tamsoft ed edito da Marvelous, uscito in Europa all’inizio dell’estate e che ha polverizzato tutti i record di vendita precedenti per la casa giapponese sul vecchio continente. Se i titoli della serie Senran non avessero avuto il successo e la nomea che li caratterizza, il successo di questa nuova IP sarebbe stato scarno, mentre fortunatamente è accaduto il contrario, convincendo finalmente i giapponesi della maturità del mercato occidentale. Sarebbe facile attribuire il successo di questi brand alla malizia e al porno soft, ma in realtà, soprattutto in VALKYRIE DRIVE -BHIKKHUNI-, c’è molto di più che delle semplici ragazze maggiorate. Abbiamo un gameplay estremamente complesso e dinamico, una longevità elevatissima (anche se molto spesso ci si ritrova a fare sempre la stessa cosa) e tantissimi collezionabili, la quintessenza stessa del fan service. E’ lecito quindi sperare finalmente in uno sblocco dei mercati, dove le uscite saranno dilazionate tra loro solo per eventuali traduzioni ed adattamenti, e non anni e anni di attese. E’ ovviamente un’utopia, ma i recenti successi dei brand di Marvelous fanno ben sperare per vedere le tempistiche estremamente ridotte. Se parliamo di successi, non possiamo tra l’altro non citare ovviamente il buon FATE/EXTELLA: The Umbral Star, che da pochissimo ha visto la sua apparizione anche su Nintendo Switch ed edito sempre da Marvelous.

Unendo un franchise abbastanza famoso nell’ambiente anime videogame nippofilo e un genere tipicamente orientale come il musou, FATE/EXTELLA ha raggiunto in poco tempo un ottimo successo, tanto da arrivare anche sull’ultima console Nintendo e facendoci ben sperare per il futuro della serie (di cui speriamo vivamente di vedere un nuovo episodio). A piccoli passi, si comincia ad intravedere un traguardo, dove tutti i giochi saranno accessibili a tutti e senza troppi ritardi e tutto questo, in fin dei conti, è anche merito di chi sta credendo nell’espansione del mercato esattamente come Marvelous.

Commenti

commenti

Renato Passalacqua
Apparso nella redazione di Game-eXperience come Terminator e con un' unica missione, ovvero la recensione perfetta. É come una macchina inarrestabile, non teme nessun gioco. Qualsiasi sia la piattaforma, da quella Next Gen alla Retró, lui é sempre li pronto come un giudice di X-Factor per dare la sua ardua sentenza. È talmente immerso nel suo lavoro che potrebbe dare un voto anche alla vostra prestazione sessuale.