Speciale | No More Heroes: Travis Strikes Again

Speciale | No More Heroes: Travis Strikes Again

Molti non consideravano possibile l’idea di un annuncio roboante in grado di mettere in subbuglio l’intero mondo videoludico durante la diretta streaming dei “Nindies”, ovvero la raccolta di uscite per Nintendo Switch da parte di team indipendenti. Pochi però ricordano che Grasshopper Manufacture è di fatto classificabile come software house indie sin dalla sua fondazione, benchè diretta e seguita dal celebre Goichi Suda noto anche come Suda51. Developer davvero “fuori dagli schemi” e spesso anche “fuori di testa” sia per idee che per immaginario estetico e di gameplay, Suda51 ci ha abituati a prodotti singolari che spesso hanno anche diviso la critica riguardo all’effettiva qualità. C’è una serie però che ha sempre tenuto alto il nome del proprio creatore: No More Heroes è uscito per la prima volta su Wii nel Dicembre 2006 ed ha rappresentato fin da subito “l’antidoto” a chi considerava la bianca home console Nintendo come una macchina adatta solo a casual gamers. No More Heroes 2: Desperate Struggle ha visto la luce 4 anni dopo e si è affermato come seguito di gran pregio incontrando favori decisamente più ampi. Ora, a ben 7 anni di distanza, Suda51 è apparso ed ha inflitto un colpo di “katana laser” ai nostri cuori annunciando per Nintendo Switch No More Heroes: Travis Strikes Again.

Cosa possiamo aspettarci da un gioco che proviene dalla mente di un game designer così fuori dagli schemi? Il primo titolo della serie offrivana un gameplay improntato all’azione frenetica ma anche all’esplorazione: va ricordato che il mondo di gioco era “free roaming” ad ampio raggio, esplorabile dal protagonista Travis Touchdown a piedi o tramite l’utilizzo della motocicletta modificata Schpeltiger. Il secondo episodio si mostrò più lineare e più attento al combat system ed all’azione frenetica, ma l’epoca videoludica odierna è cambiata drasticamente. Presentare un gioco dalle dinamiche open world potrebbe rappresentare una mossa vincente per questo titolo appena annunciato, considerata la fama che questa tipologia di giochi ottiene oggigiorno. Di certo si prospetta azione al cardiopalma nel più classico stile No More Heroes. Travis è un violento lottatore ed esperto di combattimenti con la spada, caratteristica che permetterà al giocatore di sfoggiare mosse spettacolari. Considerata la grande precisione del sistema di controllo joy-con rispetto ai vecchi telecomandi Wii, vien da chiedersi se il vulcanico Suda51 abbia pensato di sfruttare questa caratteristica unica di Switch per realizzare un combat system adatto ai controlli motion così come accadde nei precedenti episodi.

Nintendo Switch ha di certo le carte in regola per poter ospitare un titolo di spessore narrativo e dal gameplay impegnativo. No More Heroes: Travis Strikes Again è realizzato utilizzando il motore grafico Unreal Engine, ed il video mostrato durante i Nindies ha confermato la presenza del classico stile grafico cel-shading. Una scelta stilistica ben precisa tesa principalmente a rendere il gioco più simile ad un fumetto, eludendo l’eccessivo realismo in favore di un’estetica più marcata verso il mondo manga/comics. L’altro annuncio che ha fatto sobbalzare molti utenti riguarda il coinvolgimento del team Dennaton Games nello sviluppo di No More Heroes: Travis Strikes Again. Se non avete vissuto sulla Luna fino a qualche giorno fa conoscerete di certo Hotline Miami ed il grande successo di pubblico e critica riscosso da questo titolo sviluppato con Game Maker. Il titolo sviluppato dai ragazzi di Dennaton Games ha molte caratteristiche in comune con l’universo narrativo di No More Heroes: criminalità, brutali assassini ed un mondo violento che non perdona.

Cos’è lecito aspettarsi da No More Heroes: Travis Strikes Again? Di certo combattimenti frenetici, un combat system di gran qualità (i precedenti episodi si erano distinti in particolare proprio su questo) ed una storia appassionante che mescola umorismo, violenza e narrazione sapiente. I titoli targati Grasshopper Manufacture non sono mai stati “best seller” economicamente parlando, ma si sono sempre distinti per il particolare stile che li accomuna. Un gioco come No More Heroes: Travis Strikes Again su Nintendo Switch in esclusiva potrebbe risultare assai interessante, soprattutto considerata la già ampia base installata e le ottime vendite che la console sta registrando nei suoi primi mesi di vita. La sfortunata era Wii U sembra ormai alle spalle, ed un annucio come quello di No More Heroes: Travis Strikes Again sembra davvero “risorgere” le aspettative dei molti fan Nintendo reduci dall’epoca buia appena conclusa. Unico neo: pare che il gioco verrà rilasciato esclusivamente in versione digitale: molti potrebbero pensare “meglio così che nulla” ma la gioia di poter possedere un’edizione fisica, meglio ancora se Collector’s Edition, è difficile da dimenticare. L’annuncio è stato appena fatto però, quindi tutto è ancora possibile fortunatamente. Non ci resta altro da fare che incrociare le dita e seguire attentamente lo sviluppo di No More Heroes: Travis Strikes Again fino al lancio sul mercato. Buona fortuna Travis, ti aspettiamo!

 

Commenti

commenti

Simone Granata
Pensate che i videogiochi siano cose per il tempo libero? Cose per le quali sprecare alcuni minuti della giornata e basta? OBIEZIONE!